Architempo

L’associazione culturale Architempo è nata nel novembre 2004 con l’ambizioso obiettivo di diventare uno dei più saldi punti di riferimento per il recupero culturale del proprio territorio. L’associazione, grazie alla preziosa collaborazione con altri soggetti ed enti, come l’allora libreria Guida di Capua, ha proposto fin dalla sua costituzione un ricco calendario di eventi e manifestazioni, legati alla letteratura, al cinema, al teatro e alla musica, ma con un occhio attento anche a cogliere le tendenze culturali dell’arte figurativa contemporanea, nonché della rivalutazione del nostro patrimonio storico-artistico. L’associazione Architempo, attraverso proficui scambi culturali tra operatori diversi del territorio regionale o nazionale, è stata impegnata nello sviluppo di progetti integrati e nella realizzazione di iniziative comuni, al fine di sensibilizzare la pubblica opinione intorno a tematiche di forte valore storico ed artistico, privilegiando le iniziative finalizzate all’aggregazione ed al dibattito. Architempo ha costituito da sempre una preziosa sede per unire le forze e le professionalità dei suoi fondatori, già da prima della nascita dell’Associazione impegnati nel settore dell’editoria, dell’animazione e del recupero culturale. L’ideazione, la progettazione e l’organizzazione degli eventi e della programmazione dell’associazione Architempo è, infatti, sempre stata affidata ai suoi fondatori coadiuvati da un nutrito gruppo di esperti e consulenti, composto da giornalisti, attori, scrittori, musicologi, sceneggiatori, critici e storici dell’arte. Eventi ludico-culturali, mostre tematiche, degustazioni, laboratori didattici, visite guidate, convegni, produzioni di spettacoli teatrali, pubblicazioni sono solo alcune delle attività attraverso le quali l’associazione si è impegnata negli anni per il raggiungimento dei suoi obiettivi istituzionali. Tra le attività di rilevo svolte ciclicamente nel corso degli anni presso la sede dell’Associazione, lo storico Palazzo Lanza di Capua, spiccano: − “Capua il luogo della lingua festival” manifestazione annuale, giunta nel 2015 alla sua X edizione, incentrata sulla celebrazione del “linguaggio” nelle sue varie forme e che nasce in onore del Placito Capuano, la prima espressione scritta del volgare italiano documentata proprio a Capua nel 960. Il festival, che si svolge normalmente all’inizio dell’estate, vede protagonista non solo le “belle lettere”, ma diverse forme di comunicazione: il cinema, il teatro, l’arte visiva e quella multimediale, la musica in tutte le sue declinazioni, l’architettura e la scultura. − “Premio Falerno Primo Romanzo”, nato nel 2010 dall’idea di suggellare il “gemellaggio” storico tra vino e letteratura, e in particolare per sottolineare, da un lato, l’importanza storica della città di Capua e dall’altra il vino Falerno, vino famoso dell’antica Roma, che ancora oggi si produce in diverse zone della provincia di Caserta. Il “Premio Falerno Primo Romanzo”, dedicato agli autori esordienti, la cui opera prima sia stata pubblicata in Italia nell’arco dell’anno precedente ad ogni edizione, si pone dunque l’obiettivo di coniugare ancora una volta il “nettare di Bacco” con la letteratura. Esordienti, giovani e meno giovani, delle più note case editrici italiane vengono letti e valutati da un’attenta giuria di esperti che decreta una rosa di finalisti che fino a maggio è oggetto di letture collettive e incontri tra gruppi di lettura. − “Il Teatro dell’Architempo”, un palcoscenico “off”, dove noti artisti hanno dato il loro contributo per conoscere, capire e interpretare meglio il presente e la società che ci circonda. Gli spettacoli proposti sono un felice incontro di culture, espressioni e linguaggi diversi, e allo stesso tempo piacevoli occasioni per riflettere, discutere e ampliare gli orizzonti, attraverso la magia del teatro.

Sito realizzato nell’ambito del Progetto POR FESR 2007/2013 Ob. Op. 1.10 Attività C Cod. CUP Digitalizzazione, studio e recupero dell’Archivio Lanza di Capua B69E13000290009 Cod. SMILE 56.